fbpx

Caffè e calcoli renali

In Italia i calcoli renali colpiscono il 7% della popolazione. Essi sono determinati dalla deposizione di cristalli come l’ossalato di calcio all’interno del rene. Una strategia per prevenire la formazione di calcoli renali è idratarsi a sufficienza; ma vanno bene tutte le bevande? Il caffè è da sempre ritenuto una bevanda da evitare considerato l’elevato contenuto di ossalati. In realtà uno studio con 200.000 partecipanti, ha dimostrato che un abituale consumo di caffè diminuiva del 30% il rischio di sviluppare calcoli renali. Ciò si deve alla presenza di composti bioattivi del caffè, all’effetto diuretico della caffeina e al contemporaneo aumento dell’escrezione urinaria di citrato, inibitore dell’ossalato di calcio.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Fonte: Paleerath P. et al., Caffeine in Kidney Stone Disease: Risk or Benefit?, Advances in Nutrition, July 2018,

Condividi questo Articolo

Ultime Pubblicazioni

I nostri articoli sono sempre supportati da ufficiali pubblicazione scientifiche, e hanno lo scopo di far conoscere al paziente, le sostanze alimentari atte a supportare le normali funzioni fisiologiche del nostro corpo.

Carenza di Ferro e Anemia

Spesso è sottovalutata, a volte non si è consapevoli di averla, ma la carenza di ferro è il disturbo nutrizionale più comune al mondo! Cerchiamo di capire, quindi, che cosa comporta di preciso questa condizione e che misure adottare.

Enfarma, Il tuo benessere prima di tutto

CONTATTACI

Contatti

Visita la pagina Contatti
Tel. +39 095464968
Fax. +39 095 309856
e-mail: info@enfarma.it
Modello Organizzativo

Seguici sui Social

Disclaimer

Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico chirurgici e medicinali da banco, si avvisa l’utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.

2020-12-18T11:07:25+01:00
Torna in cima