fbpx

Caffè e calcoli renali

In Italia i calcoli renali colpiscono il 7% della popolazione. Essi sono determinati dalla deposizione di cristalli come l’ossalato di calcio all’interno del rene. Una strategia per prevenire la formazione di calcoli renali è idratarsi a sufficienza; ma vanno bene tutte le bevande? Il caffè è da sempre ritenuto una bevanda da evitare considerato l’elevato contenuto di ossalati. In realtà uno studio con 200.000 partecipanti, ha dimostrato che un abituale consumo di caffè diminuiva del 30% il rischio di sviluppare calcoli renali. Ciò si deve alla presenza di composti bioattivi del caffè, all’effetto diuretico della caffeina e al contemporaneo aumento dell’escrezione urinaria di citrato, inibitore dell’ossalato di calcio.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Fonte: Paleerath P. et al., Caffeine in Kidney Stone Disease: Risk or Benefit?, Advances in Nutrition, July 2018,

Condividi questo Articolo

Ultime Pubblicazioni

I nostri articoli sono sempre supportati da ufficiali pubblicazione scientifiche, e hanno lo scopo di far conoscere al paziente, le sostanze alimentari atte a supportare le normali funzioni fisiologiche del nostro corpo.

La birra, un’amica inaspettata

La birra, un'amica inaspettata. Negli ultimi anni l’attenzione verso questa bevanda è aumentata in modo esponenziale. Ma la birra non è solo una bevanda da festa tra amici o schitarrate in spiaggia, infatti diversi studi hanno dimostrato che può anche avere effetti benefici sul nostro corpo!

Enfarma, Il tuo benessere prima di tutto

Contatti

Seguici sui Social

Disclaimer

Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico chirurgici e medicinali da banco, si avvisa l’utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.

2020-12-18T11:07:25+01:00
Torna in cima