fbpx

Gonfiore Addominale e Fibre

Il gonfiore addominale è una delle condizioni più comuni nel mondo, basti pensare che 1 persona su 5 ha riferito di soffrire, per l’appunto, di un aumento della pressione addominale. Ma questa fastidiosa condizione è anche il sintomo caratteristico della sindrome dell’intestino irritabile, un’ulteriore condizione, anch’essa molto diffusa. Possiamo, quindi, controllare il gonfiore e l’intestino attraverso la dieta? Scopriamo assieme cosa dice la letteratura scientifica.

Le cause

In generale, il gonfiore addominale si forma per via dei batteri presenti nel colon. Essi, infatti, producono gas scomponendo e fermentando il cibo non completamente digerito (per esempio le fibre). La fibra alimentare presente negli alimenti, tuttavia, può compromettere la transizione del gas e favorirne la ritenzione.

Gli studi

Purtroppo, come spesso accade in questi casi, gli studi esistenti mostrano risultati contrastanti relativamente all’alimentazione e al gonfiore. Se infatti, uno studio ha rilevato che un piano dietetico sano ricco di frutta, verdura, fibre e latticini a basso contenuto di grassi, può aumentare il rischio di gonfiore. In un altro studio, è stato osservato che l’assunzione di integratori a base di cereali ricchi di fibre riduce il gonfiore.

Questi risultati potrebbero, quindi, essere dovuti alla differenza dell’effetto della fibra assunta dal cibo rispetto alla fibra che deriva dagli integratori alimentari. Senza contare, che anche la composizione della dieta in termini di proteine, grassi e carboidrati potrebbe influenzare l’insorgenza e la gravità del gonfiore.

Per approfondire meglio l’incidenza del tipo di nutrienti sul gonfiore, sono stati esaminati gli effetti di 3 versioni di diete tutte ricche di fibre. Queste diete erano identiche nelle calorie ma avevano diverse composizioni di macronutrienti. Una dietra ricca di carboidrati, un’altra ricca di proteine e una terza ricca di grassi insaturi. In queste diete i partecipanti erano uomini e donne dai 30 anni in su e hanno seguito la relativa dieta per 6 settimane.

Questo studio ha ulteriormente confermato che il passaggio a una dieta più ricca in fibre ha aumentato l’insorgenza di gonfiore. La fibra alimentare, infatti, è parzialmente o totalmente fermentata nell’intestino, il che porta alla produzione di una serie di gas. Ma l’effetto cambia in base al nutriente associato. Possiamo vedere, infatti, come la dieta ricca di proteine sia stata quella che ha aumentato più delle altre la prevalenza del gonfiore. La dieta con prevalenza di carboidrati ha invece mostrato la minor prevalenza di gonfiore. Infine, la dieta a base di grassi insaturi ha mostrato una prevalenza di gonfiore intermedia tra le due. La sostituzione delle proteine con i carboidrati, quindi, è risultata una strategia efficace per ridurre il gonfiore tra gli individui che soffrono di gonfiore gastrointestinale da una dieta ricca di fibre.

Conclusioni

Dai risultati ottenuti è emerso che, in generale, le diete ricche di fibre contribuiscono all’aumento del gonfiore addominale. Tuttavia, l’effetto è modificato dal tipo di nutrienti che compongono la dieta. Come abbiamo visto sopra, infatti, l’associazione con i carboidrati è stata quella che ha avuto una minore presenza di gonfiore. Ovviamente non è possibile eliminare del tutto le fibre dalla nostra alimentazione. Si rende quindi necessario l’intervento di uno specialista per valutare quale tipologia di dieta sia più adatta a noi.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Fonti:

  1. ·Clin Transl Gastroenterol. 2020 Jan; 11(1): e00122. Published online 2020 Jan 15. Effects of High-Fiber Diets and Macronutrient Substitution on Bloating: Findings From the OmniHeart Trial. Mingyu Zhang, MHS, Stephen P. Juraschek, MD, PhD, Lawrence J. Appel, MD, MPH, Pankaj Jay Pasricha, MBBS, MD, Edgar R. Miller, III, MD, PhD, and Noel T. Mueller, PhD, MPH.

Condividi questo Articolo

Ultime Pubblicazioni

I nostri articoli sono sempre supportati da ufficiali pubblicazione scientifiche, e hanno lo scopo di far conoscere al paziente, le sostanze alimentari atte a supportare le normali funzioni fisiologiche del nostro corpo.

La dieta in gravidanza

Vi siete mai chiesti quale siano le indicazioni alimentari da seguire in gravidanza? La prima cosa da considerare è l’alta qualità del cibo e un’adeguata assunzione di nutrienti. Questi sono due fattori fondamentali per la salute della madre e del bambino.

Enfarma, Il tuo benessere prima di tutto

CONTATTACI

Contatti

Visita la pagina Contatti
Tel. +39 095464968
Fax. +39 095 309856
e-mail: info@enfarma.it
Modello Organizzativo

Seguici sui Social

Disclaimer

Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico chirurgici e medicinali da banco, si avvisa l’utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.

2021-09-02T10:48:09+02:00
Torna in cima