fbpx

Benessere degli occhi, attenzione agli zuccheri

La dieta è un fattore chiave dello stile di vita che può avere effetti a lungo termine sulla salute. In questo articolo, in particolare, esamineremo il ruolo della nutrizione nel mantenimento della salute degli occhi. Infatti, se alcuni alimenti sono benefici per la salute dei nostri occhi, altri sono invece potenzialmente dannosi!

Il punto della situazione

A livello globale, circa 400 milioni di persone soffrono di vari gradi di perdita della vista. Le cause principali includono diverse condizioni oculari come cataratta, degenerazione maculare senile, glaucoma e retinopatia diabetica. Queste condizioni colpiscono in modo sproporzionato gli anziani e si prevede che con l’invecchiamento della popolazione il numero di individui affetti aumenterà in modo esponenziale. Le diete e i nutrienti che le compongono rappresentano sicuramente uno dei fattori che possono influire sulla salute oculare. Ma, come abbiamo già anticipato, bisogna fare attenzione a cosa e come mangiamo.

Gli alimenti

I carboidrati possono condizionare particolarmente la funzionalità oculare, specialmente determinati carboidrati. Gli effetti fisiologici dei carboidrati dipendono dalla struttura del carboidrato, nonché dalle caratteristiche dell’individuo, tra cui la composizione della flora intestinale e la genetica. La struttura del carboidrato, infatti, determina la velocità di rilascio e assorbimento dei metaboliti.

Gli zuccheri semplici, presenti per esempio nei dolci, e gli amidi altamente ramificati, come quelli che si trovano nelle farine raffinate, vengono rapidamente digeriti e assorbiti. Questo rapido assorbimento determina un veloce e sostanziale aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. Il consumo frequente di carboidrati a digestione rapida può portare a una glicemia cronicamente elevata, che ha effetti di vasta portata tra cui infiammazione cronica, danno da radicali liberi e danno proteico dovuto a particolari reazioni con gli zuccheri. In base a diverse caratteristiche fisiologiche, l’occhio è particolarmente vulnerabile ai danni causati dagli effetti diretti e indiretti della glicemia cronicamente elevata. L’iperglicemia, quindi, è stata chiaramente associata a diverse patologie oculari molto comuni. Pertanto, determinati regimi alimentari, come alcune diete occidentali caratterizzate da un eccesso di zuccheri, ci espongono a un maggior rischio di sviluppare determinate patologie oculari.

Le diete

La restrizione calorica limita le disfunzioni legate all’età nei tessuti della retina e per questo è stata attentamente analizzata. Studi sugli animali, infatti, hanno riportato un effetto protettivo in seguito ad una dieta con una restrizione delle calorie assunte. In particolare, diversi di questi studi si sono focalizzati sul digiuno intermittente che consiste nel limitare l’assunzione di cibo a periodi di tempo specifici, seguiti da un digiuno prolungato.

Da uno di questi studi, per esempio, è emerso che il digiuno a giorni alterni, per sei mesi, ha accelerato il recupero della funzione retinica. Questi risultati, anche se su modelli animali, sono molto indicativi su quanto la restrizione calorica possa influire sulla salute oculare e sulle strategie da considerare a riguardo. Inoltre, questi studi forniscono uno spunto di approfondimento sulla ricerca futura.

Conclusioni

Questo approfondimento sulla nutrizione, per la salute dei nostri occhi, si focalizza su un particolare tipo di nutrienti a cui prestare attenzione. Ma esistono altri accorgimenti, che esamineremo nei prossimi articoli, su ulteriori strategie alimentari utili per questo tipo di patologie. Nell’attesa, alla luce degli studi attuali, possiamo dedurre che una dieta a basso contenuto di calorie e carboidrati, è potenzialmente benefica per la salute dei nostri occhi.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Fonti:

  1. Nutrients. 2019 Sep; 11(9): 2123. Nutrition and Eye Health. John G. Lawrenson, and Laura E. Downie.
  2. Nutrients. 2020 Sep; 12(9): 2862. Dietary Patterns, Carbohydrates, and Age-Related Eye Diseases. Sarah G. Francisco, Kelsey M. Smith et al.

Condividi questo Articolo

Ultime Pubblicazioni

I nostri articoli sono sempre supportati da ufficiali pubblicazione scientifiche, e hanno lo scopo di far conoscere al paziente, le sostanze alimentari atte a supportare le normali funzioni fisiologiche del nostro corpo.

L’Aloe: una Vera amica!

Si dice sempre che i consigli degli antichi non sbaglino mai. In questo caso, per trovare l’origine della diffusione di questa pianta dai mille usi, bisogna andare addirittura a rivangare in un passato molto remoto, passando per l’Antico Testamento, dai nostri romani, agli antichi egizi, che amavano definirla “la pianta dell’immortalità”.

Enfarma, Il tuo benessere prima di tutto

CONTATTACI

Contatti

Visita la pagina Contatti
Tel. +39 095464968
Fax. +39 095 309856
e-mail: info@enfarma.it
Modello Organizzativo

Seguici sui Social

Disclaimer

Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico chirurgici e medicinali da banco, si avvisa l’utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.

2021-11-29T12:36:44+01:00
Torna in cima