fbpx

Il Sale da cucina: conviene evitare gli eccessi?

La relazione tra la riduzione dell’assunzione di sale da cucina e mortalità rimane controversa. Alcuni studi, infatti, risultarono poco attendibili, ma ciò potrebbe essere dovuto a una scarsa qualità della misurazione del sodio.

Sono state condotte due analisi, tra il 1987 e il 1995, su un totale di 3.126 partecipanti che venivano suddivisi casualmente tra riduzione o controllo del sale nella dieta. Questo studio ha l’obiettivo di esaminare la relazione tra valori di assunzione di sale ben definiti, stimati dall’escrezione di sodio urinario, e la mortalità a lungo termine. Sono stati raccolti, infatti, più campioni di urina nelle 24 ore da adulti di età compresa tra 30 e 54 anni affetti da leggera ipertensione. Tra gli individui che hanno ricevuto un intervento di riduzione del sale è stata riscontrata una riduzione del rischio di mortalità del 15%. È stato osservato, inoltre, un rischio di mortalità aumentato ad alti livelli di assunzione e una relazione diretta con la mortalità totale, anche ai più bassi livelli.

Questi risultati suggeriscono che ridurre il consumo di sale è correlato a un beneficio rispetto alla mortalità totale per un periodo di oltre 20 anni. L’American Heart Association raccomanda una riduzione del sodio dietetico a <1,5g/die.

ATTENZIONE: Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento. Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.

Fonti:

J Am Coll Cardiol. 2016 Oct 11;68(15):1609-1617.

Circulation. 2012 Dec 11;126(24):2880-9.

Condividi questo Articolo

Ultime Pubblicazioni

I nostri articoli sono sempre supportati da ufficiali pubblicazione scientifiche, e hanno lo scopo di far conoscere al paziente, le sostanze alimentari atte a supportare le normali funzioni fisiologiche del nostro corpo.

Capelli in salute, un aiuto dalle vitamine

Capelli in salute, un aiuto dalle vitamine... Può la nostra alimentazione influenzare il buono stato di salute del nostro cuoio capelluto? La risposta è si! In questa recensione metteremo in evidenza le carenze nutrizionali, rispetto alle malattie legate al cuoio capelluto, con un particolare riferimento alle vitamine B7 (o biotina) e D. Questo perché, comunemente, le anomalie cutanee che coinvolgono la pelle, i capelli e le unghie sono presenti nei pazienti con carenze di micronutrienti e spesso forniscono indizi.

Frutta secca e Diabete

Frutta secca e diabete, come ogni anno le nostre tavole si riempiono dei cibi della tradizione italiana, tra questi la frutta secca gioca sicuramente un ruolo da protagonista. Oltre alla sua bontà in termini di gusto, la frutta secca porta con sé importati effetti positivi sulla nostra salute!

Enfarma, Il tuo benessere prima di tutto

CONTATTACI

Contatti

Visita la pagina Contatti
Tel. +39 095464968
Fax. +39 095 309856
e-mail: info@enfarma.it
Modello Organizzativo

Seguici sui Social

Disclaimer

Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro, presidi medico chirurgici e medicinali da banco, si avvisa l’utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.

2021-02-17T12:44:36+01:00
Torna in cima